Chiave Bulgara e Serrature

Chiave Bulgara

È “ chiave bulgara ” forse perché creata dagli 007 di quel Paese. Ed è responsabile del boom di effrazioni in tutta Italia.

C’è chi la chiama «chiave bulgara». È un grimaldello, inventato pare dagli 007 dell’Est, ai tempi della Guerra fredda, per farsi strada in ambasciate o case del «nemico» dove dovevano piazzare le microspie, che apre qualunque tipo di porta, anche quelle blindate. Un passepartout infallibile, ora l’attrezzo preferito dai ladri che a quanto pare ultimamente viene utilizzato in Lombardia per furti in appartamento e negozi.

Il grimaldello bulgaro è uno strumento che permette di ricostruire il profilo della chiave di una serratura a doppia mappa senza avere la chiave originale e senza smontare la serratura.

Il grimaldello bulgaro può essere composto da due attrezzi: un tensore e la cosiddetta “chiave morbida” o da un unico attrezzo che integra entrambe le funzioni, la cosiddetta “chiave magica”. In entrambi i casi il principio di funzionamento è il medesimo.

Il procedimento è ottimamente illustrato in questo video:

 

È vero quindi che il grimaldello bulgaro è uno strumento in grado di aprire con relativa facilità le serrature, ma solo quelle a doppia mappa e non “tutte” come viene talvolta riportato, infatti esistono anche serrature a doppia mappa di nuova concezione dotate di contromisure nei confronti di questo tipo di strumento. Inoltre le serrature con meccanismo a pistoncini, come quello dei classici cilindri europei, non possono essere attaccate con questo strumento.

Come difendersi

In primo luogo dobbiamo preoccuparci solo se abbiamo una serratura a doppia mappa, in caso contrario gli aspetti cui prestare attenzione sono altri e li vedremo in un prossimo post.

Se abbiamo una serratura a doppia mappa la probabilità di cadere vittima del famigerato attrezzo bulgaro è più alta se:

1. la nostra serratura è datata. Indicativamente se è stata installata prima del 2011 si tratta di una serratura potenzialmente a rischio. È comunque necessaria una verifica da parte di un serraturiere esperto, dato che esistono vecchie serrature che resistono piuttosto bene agli attacchi e nuove serrature che sono invece vulnerabili;

2. la diffusione del nostro modello di serratura è elevata nel palazzo e/o nel quartiere. Se montiamo ancora la serratura installata dal costruttore del fabbricato e lo stesso fanno i nostri vicini, casa nostra rappresenta un boccone appetibile per eventuali malintenzionati, che con lo stesso strumento potranno facilmente aprire molte porte;

3. la nostra porta monta la sola serratura a doppia mappa. Se è presente anche una seconda serratura con un diverso principio di funzionamento (come una serratura a cilindro europeo) l’eventuale ladro non potrà limitarsi ad usare solamente il grimaldello bulgaro, ma dovrà avere gli strumenti e le competenze necessari ad aprire anche la seconda serratura.

Rimane il fatto che la chiave bulgara ha già provocato danni ingenti nonostante il 70% delle abitazioni fosse dotato di porte a doppia mappa. Gli esperti della sicurezza passiva consigliano serrature nuove di ultima generazione, chiavi piatte e codificate che possono essere replicate solo con l’originale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.

vai in cima