Come sostituire la vasca da bagno con una doccia

doccia

Sostituire una vasca da bagno con una doccia è in cima alla lista delle ristrutturazioni più richieste, e per una buona ragione.

Una doccia occupa meno spazio, ma migliora l’aspetto del bagno e la sua praticità, due fattori che influenzano sul comfort abitativo e sul conseguente costo di vendita degli immobili.

L’intervento di sostituzione può sembrare complesso, ma se ci si affida a dei professionisti è molto veloce e bastano un paio di giorni per essere completato.

Inoltre, per le persone anziane o con disabilità, avere una doccia invece che una vasca abbatte le barriere architettoniche e permette di continuare a vivere nella propria casa in modo autonomo, senza bisogno di doversi trasferire in strutture assistite.

Attenzione ai dettagli: Se vuoi sostituire la vasca con una doccia per rimuovere le barriere architettoniche, ricorda di installare una doccia walk-in. I piatti delle docce tradizionali hanno uno spessore di circa 35/40 cm e sono ancora troppo alti per essere superati con facilità.

Come avere una doccia dove c’è una vasca  

La sostituzione di una vasca da bagno con una doccia può avvenire in due modi differenti: con l’aggiunta del soffione alla vasca esistente e con una sostituzione completa. Vediamo entrambi gli interventi nel dettaglio:

–         Aggiunta del soffione

Se la tua vasca ha solo rubinetti nella parte inferiore, puoi facilmente aggiungere una doccia posizionando un soffione nella parte superiore. In questo caso la vasca non verrà sostituita, ma si procederà solo con l’aggiunta di un tubo che porta l’acqua verso l’alto e con la sostituzione del rubinetto. Inoltre, il tubo del soffione può restare a vista, evitando così di dover intervenire sulle pareti piastrellate che circondano la vasca. Il muro verrà rotto solo in concomitanza del soffione, ma spesso bastano un paio di fori per posizionare un’asta di supporto e non c’è bisogno di rifare l’interno rivestimento.

I rubinetti vengono sostituti con nuove soluzioni dotate di un tubo in PEX o rame nella parte superiore e di un sistema di controllo che permette di scegliere dove direzionare il getto d’acqua: nel soffione superiore o nel rubinetto posto nella parte inferiore della vasca.

Con l’aggiunta di un separé in plexiglass o di una tenda, la vasca da bagno può ora funzionare sia come vasca da bagno che come doccia, ma non viene risolto il problema delle barriere architettoniche, e le persone anziane o con disabilità troveranno ancora molte difficoltà ad entrare o uscire.  

–         Sostituzione della vasca

La sostituzione della vasca è un intervento molto più invasivo che prevede la rimozione completa della struttura attuale, dei rivestimenti e degli impianti, per posizionare una doccia nuova dove prima si trovata la vasca da bagno.

In questo caso è necessario mettere a budget la demolizione dei rivestimenti, gli interventi sull’impianto idraulico, la nuova pavimentazione, eventuali strutture in cartongesso, i sistemi di isolamento e la carpenteria in generale. Esistono però dei kit di doccia prefabbricata che rendono le operazioni più facili e veloci.

Questi kit sono disponibili in molti negozi specializzati in arredo bagno e sono completi di tutti gli elementi necessari a sostituire la vasca con una doccia. Ti fanno risparmiare tempo ed evitano di dover ri-piastrellare tutte le pareti, uno dei lavori più complessi da fare quando si rimuove una vasca da bagno.

Con i kit prefabbricati, sostituire la vasca diventa quindi un gioco da ragazzi e puoi farlo anche da solo. Ecco i passaggi da seguire e i materiali necessari per sostituire una vasca con una doccia in completa autonomia.

Cosa ti serve

Attrezzature / Strumenti

  • Trapano senza fili
  • Piede di porco
  • Martello
  • Protezioni per gli occhi e per le orecchie
  • Utensile multi-funzione per levigare
  • Strumenti idraulici di base

Materiali

  • Kit doccia prefabbricato
  • Kit rubinetto doccia, con corpo valvola, comandi, finiture e soffione inclusi
  • Tubo in PEX o in rame e relativi accessori per allungare le tubature di alimentazione
  • Silicone o materiali di fissaggio

Sostituzione della vasca con doccia – istruzioni passo dopo passo

1-    Definisci le dimensioni della doccia

Se vuoi rimuovere una vasca da bagno lunga 150 cm e larga 80 cm, puoi scegliere di installare un box doccia della stessa dimensione, anche se le docce doppie sono in genere lunghe 150 cm, mentre la larghezza è maggiore di quella di una vasca e varia da 80 a 100 cm.

Ciononostante, mantenere all’incirca lo stesso ingombro della vasca quando scegli la tua nuova doccia ti evita lavori di finitura sia sulle pareti che sul pavimento, perché il nuovo sanitario coprirà tutto lo spazio lasciato vuoto da quello vecchio.

2-    Verifica i permessi necessari

In molti comuni, la sostituzione di una vasca con una doccia richiede l’autorizzazione degli uffici di competenza, poiché l’impianto idraulico subisce delle modifiche, così come la planimetria della casa. Prima di dare il via ai lavori, verifica con il tuo comune di quali documenti hai bisogno per non incappare in multe o sanzioni.

3-    Chiudi l’impianto idrico

Se la vasca da bagno ha una valvola di arresto intermedia situata vicino al rubinetto, puoi semplicemente interrompere l’alimentazione della vasca stessa. Se, invece, il tuo impianto è gestito in modo centralizzato, durante i lavori ricordati di chiudere l’acqua in tutta la casa per evitare allagamenti e perdite non richieste mentre lavori al tuo progetto.

4-    Rimuovi i rivestimenti

Utilizzando un multi-utensile elettrico, rimuovi il cemento, lo stucco e tutti i materiali che circondano la vasca da bagno. Per le piastrelle potresti aver bisogno anche di un martello o di un piede di porco, mentre per i rivestimenti in plastica basterà togliere le borchie che lo tengono fermo, scollarlo e procedere con la rimozione.

5-    Togli la vasca da bagno

Dopo aver tolto tutti i rivestimenti, togli eventuali viti o chiodi che fissano il bordo della vasca da bagno al muro. Durante questi lavori, fatti aiutare da qualcuno e ricorda che, tirando, potresti rompere piccole porzioni di muro che dovrai poi livellare per poter ri-piastrellare a regola d’arte. Quando la struttura della vasca è stata rimossa, pulisci accuratamente tutta l’area demolita, rimuovendo chiodi, viti e calcestruzzo dal pavimento.

In questa fase potrebbe essere necessario effettuare anche dei piccoli lavori edili per ri-fissare alcune borchie, sezioni di pavimento o travetti che si sono rovinati con la rimozione della vasca.

6-    Procedi con gli interventi idraulici

A questo punto, i comandi della vasca da bagno e l’uscita dell’acqua sono posizionati nella parte inferiore della parete, all’altezza della vecchia vasca per l’appunto, ma per installare la doccia devono essere spostati più in alto. Le altezze specifiche variano a seconda del tipo di impianto che vuoi installare, a valvola singola o a doppia valvola, e della casa produttrice dei componenti che hai acquistato.

Generalmente, il corpo della valvola deve essere posizionato a 115/120 cm sopra il pavimento della doccia, con il soffione ad un’altezza di 2 mt dal pavimento. I tubi di alimentazione in rame pre-esistenti possono essere mantenuti e collegati al nuovo impianto grazie a prolungamenti in rame o in PEX.

7-    Centra lo scarico sul soffione

Se il vecchio scarico della vasca da bagno si trova nel punto giusto per il nuovo scarico della doccia ed è in buone condizioni, non c’è motivo di spostarlo, mentre se è dalla parte opposta rispetto al soffione devi centrarlo nel nuovo piatto doccia. Inoltre, potrebbe essere necessaria una regolazione verticale con un estensore per rendere lo scarico più efficiente.

8-    Installa il piatto doccia

Quando hai concluso gli interventi sulla rete idraulica, puoi posizionare il nuovo piatto doccia. A seconda del pavimento del bagno e della struttura della nuova doccia, potrebbe essere necessario creare un letto di malta sotto il piatto per ottenere un’installazione più solida e più stabile. Alcuni modelli, invece, possono essere posizionati senza bisogno di livellare il pavimento, ma semplicemente usando borchie e viti per fissare la struttura a terra.

9-    Installa i pannelli doccia e la porta

Dopo il piatto è il momento delle pareti che circondano la doccia. La prima da installare è quella posteriore, poi quelle laterali e infine la porta, a battente o scorrevole, sul lato di accesso alla doccia stessa. I pannelli si fissano con borchie e sigillanti lungo tutto il loro perimetro.

Prima di fissare il pannello posteriore, ricorda di effettuare dei fori per i comandi della doccia e il soffione!

10-                       Posiziona i comandi doccia e il soffione

All’altezza dei fori effettuati sul pannello posteriore, fissa i comandi della doccia e il soffione, usando anche in questo caso viti, bulloni e sigillante per evitare infiltrazioni d’acqua.

11-                       Accendi l’impianto e metti alla prova la doccia

Con i comandi in posizione e tutte le giunture sigillate puoi finalmente riaccendere l’impianto idrico e la doccia per verificare l’assenza di perdite d’acqua su tutta la superfice. Se è tutto in ordine puoi finalmente spogliarti e goderti una bella doccia rigenerante!